RSS

Devi verificare che tutto ciò che ha una durata, le montagne millenarie o il bambino che muore, è irreale, un sogno.

-Robert Adams

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27/06/2022 in Uncategorized

 

25/06/2022

Tanto più sembra reale un film, quanto più ne sono coinvolti gli attori. Un attore inconsapevole, ovvero che ignora di essere un attore, risulterebbe il più credibile.

Siamo tutti attori, più o meno inconsapevoli, impegnati sul set del film di “Questa Vita”.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27/06/2022 in Uncategorized

 

Durante il giorno, usiamo la penna,

siamo tutti scrittori.

Durante la notte usiamo il pennello,

per dipingere splendidi quadri.

21/06/2022

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21/06/2022 in Uncategorized

 

La sacralità questo istante

E’ come se in ogni istante (adesso), noi generassimo un movimento perfetto per completare la Perfezione Assoluta, e questo istante venisse replicato nell’istante successivo, all’infinito. Ecco quanto siamo importanti.

Realizzandolo, per un po’ ho avuto ‘paura’ persino di respirare, per timore di sciupare (sbagliare) il movimento in quell’istante. Ma questo è impossibile. Perché non siamo noi ad agire.

16/06/2022 h.3:00

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16/06/2022 in Uncategorized

 

Stamattina mi sono svegliato e un dubbio mi ha assalito:
“Che fine ha fatto ieri?”
Poi per fortuna ho acceso il cellulare altrimenti.. sai che grattacapo!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 09/06/2022 in Uncategorized

 

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma

L’uomo è la somma selle sue azioni, fatte di pensiero, parola, azione.
Non puoi dire che quando il tuo corpo si disintegrerà, non ci sarai più.Tu ci sei sempre, perchè tu sei le tue azioni.
Dobbiamo riuscie a vedere il nostro corpo che continua, ORA.

Thich Nhat Hanh

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 03/06/2022 in Uncategorized

 

Il discernimento

Il discernimento è l’arte sacra di agire guidati dal buonsenso e non dalla paura, da ciò che è meglio o peggio per noi, dalla convenienza.

Il buonsenso può rendere poveri, ma ricchi, ricchissimi di Spirito.

Il buonsenso è la voce della nostra guida interiore, debole ma intensa, quasi sempre zittita dalla prepotenza dell’altra nostra voce, quella maschile, colma di paura, in cerca di successo, di gloria, di ricchezza terrena e che grida vendetta.

Il buonsenso non è la nostra voce. Quella maschile, si.

“…Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà” LC. 22,42

28/05/2022

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28/05/2022 in Uncategorized

 

19/05/2022

Siamo molto strani…

Siamo tutti convinti (perché ce l’hanno insegnato in assoluta buona fede) che non dobbiamo vedere ciò che ci può turbare. Quindi il bambino non deve vedere situazioni di sofferenza,

l’adulto deve dimenticare situazioni di sofferenza e scappare letteralmente da qualsiasi cosa provochi un’emozione di sofferenza. Come risultato abbiamo la paura radicata nel DNA. Abbiamo paura di tutto, scappiamo da tutto perché tutto potrebbe provocare reazioni emotive di sofferenza.

D’altronde siamo cresciuti così, con questa convinzione.

Tutto ciò che può provocare reazioni emotive di sofferenze (anche un pianto) viene etichettato a livello inconscio come una minaccia. Alziamo il tappeto e nascondiamo tutto lì sotto.

Ma prima o poi tutti, siamo chiamati ad un atto di coraggio, ad alzare il tappeto, a vedere tutto ciò che abbiamo sotterrato, tutte le nostre paure, per scoprire che la paura è solo un fantasma, una parola che fa scattare una reazione emotiva etichettata come “pericolosa”.

Se fossimo stati abituati dalla nascita ad affrontare ogni tipo di situazione… Altro che Superman! La paura farebbe scattare reazioni opposte, ci farebbe ridere o quantomeno non ci smuoverebbe affatto.

Avremmo un immenso potere. Immenso.

Quando la vita ci mostra situazioni sgradevoli (la morte di qualcuno, la perdita economica, il fallimento di un progetto, ecc..) anzi che reagire meccanicamente sbraitando, urlando, deprimendoci, possiamo domandarci cosa stiamo imparando? Perché in quel momento, succede davvero qualcosa…

Dove stava scritto che non dovevo separarmi da qualcuno/qualcosa? Che dovevo detenere una certa ricchezza economica, o che il progetto che avevo immaginato dovesse essere di successo se non solo nella nostra testa, nella nostra volontà?

Mi domando se l’insegnamento del Maestro dei Maestri ” ..Prendi al tua croce e seguimi” non ci parlasse proprio di questo. Non insegandoci a scappare dalle difficoltà, ma a portarle con noi, ad affrontarle, con impegno e coraggio.

Potremmo mai crescere (non anagraficamente) senza affrontare situazioni difficili?

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19/05/2022 in Uncategorized

 

Presenza

Ma lui mi ha detto, allora io gli ho risposto, perché altrimenti non sarebbe stato corretto, invece io avrei fatto, ma se lui mi avesse detto….lui..io..loro..
Mentre ascolto questa diffusa ‘normalità’ colloquiale, in lontananza passa un treno, abbaia un cane, giunge un soffio di vento che accarezza la pelle e smuove i capelli, mentre il sole va e viene dalle foglie della quercia mossa delicatamente dal vento sopra di noi.
La vita sembra essere fuori da questo monologo orizzontale, ma osservando ancora più attentamente, quasi come un paradosso, mi accorgo che la vita è anche in quel monologo, che però riesco a scorgere ed assaporare, solo osservando senza coinvolgimento.
Quella che un tempo chiamavo indifferenza, adesso so che si chiama pura presenza; l’unico vero ascolto.


17/05/2022

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17/05/2022 in Uncategorized

 

Prima, durante, adesso.

Prima di iniziare a pregare, vivevo una inconsapevole follia,
Quando ho iniziato a pregare mi sentivo un folle,
Adesso, mi sembra folle non pregare.

02/05/2022

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 02/05/2022 in Uncategorized